Scoprire il Perù: potenzialità e quadro giuridico

0
98

Con una popolazione stimata di 32 milioni di persone, di cui il 76,7% è urbano e rurale, è il 23,3%, e un territorio di 1.285.216 km2, il Perù è un paese Latinoamericano che ha intrapreso la strada di uno sviluppo integrale. 

Con importanti risorse naturali come oro, rame, argento, zinco, piombo, idrocarburi, pesca, fosfati, uva, quinoa, mirtillo, asparagi, caffè, banane biologiche.

Le sue principali attività economiche sono l’agricoltura, la pesca, l’estrazione mineraria, lo sfruttamento degli idrocarburi, e la produzione dei manufatti come il tessile.

È il secondo produttore di argento, rame e zinco; il quarto produttore di molibdeno e piombo; e il sesto di stagno e oro. Per il suo clima, il Perù è uno dei cinque più interessanti per lo sviluppo di progetti eolici, come ha osservato l’indice per le energie rinnovabili per paesi di EY.

Nel 2017, le esportazioni in aumento di produzioni non-tradizionali sono state l’agricola con +8,5% e la chimica con +2,6%. Nella prima categoria spiccano uva fresca, asparagi, mango; nella fascia dei minerali spiccano i fosfati di calcio naturale e lo zinco grezzo non legato. Le esportazioni di prodotti tradizionali si sono mantenuti come: oro, rame, piombo, zinco, gas, caffè e farina di pesce.

Gli investimenti sono importanti per il Perù, attrarli in tutti i settori dell’economia è indispensabile, sono una componente essenziale dello sviluppo. Pertanto, si è sviluppata una legislazione  senza ostacoli,  il Perú  è così considerato come uno dei paesi con il regime degli investimenti più aperto al mondo. In questo senso, si distingue, la non richiesta previa dell’autorizzazione  per gli investimenti nella maggior parte delle attività economiche. Le aree in cui alcune restrizioni sono presenti sono il trasporto aereo, il trasporto marittimo, la sicurezza e la sicurezza privata, nonché la fabbricazione di armi da guerra.

La legislazione sugli investimenti esteri fornisce stabilità giuridica agli investitori nazionali e agli stranieri per quanto riguarda le regole di imposte sul reddito e la ripartizione dei dividendi agli investitori. In questo senso, è possibile richiedere la firma di un Accordo di Stabilità Giuridica, in cui l’investimento dura almeno due anni per un importo minimo di 10 milioni di dollari nel settore minerario, idrocarburi o di 5 milioni in qualsiasi altra della attività economiche indicate.

Non ci sono differenze tra investitori nazionali e stranieri o tra le loro società. Non ci sono restrizioni per il rimpatrio di profitti, trasferimenti internazionali di capitale o lo scambio di valuta estera, il trasferimento di interessi e canoni, nel rispetto della legislazione fiscale nazionale

Fonte: Pacific Alliance Guide 2018-2019

Dejar respuesta

Please enter your comment!
Please enter your name here