Sfide per le donne imprenditrici nell’Unione europea, e nel mondo?

1
258

Secondo i dati della Commissione europea, le donne costituiscono solo il 34,4% delle donne autonome nell’UE e il 30% delle nuove imprese. (vuoi dire: solo il 34% delle donne è autonomo e solo il 30% delle nuove imprese sono in mano a donne imprenditrici) Cosa sta trattenendo le donne d’affari? Quali sono i principali ostacoli nell’avviare un’attività in proprio? È più difficile per le donne gestire un’azienda? Per l’Unione europea, “l’uguaglianza di genere è una priorità”, ha affermato Maria Grapini, riferendosi allo studio condotto dalla METRO, lei si chiede: cosa impedisce alle donne di mettere in pratica le loro idee di affari? L’indagine di 10.000 donne in dieci paesi, sette dei quali sono Stati membri dell’UE, rivela che quasi una donna su due (45%) sogna di iniziare la propria attività. Ma c’è un divario tra intenzioni e realtà: solo il 12% delle donne che sono interessate a iniziare la propria attività, pensano che sia “molto probabile”. Gli ostacoli più importanti sono la mancanza di sostegno finanziario (49%), seguita dalla situazione economica del rispettivo paese di origine (43%), nonché da processi burocratici onerosi.

Lo studio METRO rivela anche una forte domanda di programmi statali che incoraggiano l’imprenditoria femminile: l’80% degli intervistati, uomini e donne, sono a favore di programmi governativi che aiutino le donne a diventare imprenditrici. Molte donne non hanno le risorse per mettere in pratica le loro idee, secondo l’Università di Hohenheim, solo in Germania si potrebbero creare fino a 60.000 aziende aggiuntive, se le donne riuscissero a raggiungere e portare avanti i loro progetti imprenditoriali.

Veronika Pountcheva, direttore della Social Responsability, moderatrice del dibattito, ha sottolineato che le sue scarpe d’argento, scelte per l’occasione, sono una manifestazione del “genio femminile”. In un mondo in cui le donne imprenditrici stanno aumentando, come in India e in Cina, il livello europeo non presenta un quadro incoraggiante.

Due interventi, una donna d’affari indiana e una giovane donna europea.

La signora Heide, consulente indoeuropea delle imprese, ha assimilato un business a un bambino:richiede cura, lo fa crescere e sarà sempre il tuo bambino. Ha considerato che l’imprenditorialità è molto importante da coltivare e diffondere. Ha lavorato in Germania in un ambiente multiculturale, crede che i requisiti per avere successo come imprenditrice siano superare le sfide, coltivare lo spirito imprenditoriale che significa superare i rischi, avere tanta passione, avere un chiaro focus con uno standard etico, un’idea chiara tradotta in un business plan con una visione chiara. Capire che le sfide saranno sempre presenti e che devono essere risolte e superate, ognuna di esse è un’opportunità per l’imprenditore. È vero che gli indù hanno una naturale predisposizione agli affari. Lo dimostra quanto racconta su una casalinga, vicina di casa di sua madre, che ha osservato che le famiglie intorno a lei, entrambi i genitori lavoravano, ha formato un gruppo WhatsApp, comunicando con loro, ha offerto e successivamente fornito loro colazione, pranzo e anche cena. Una creatività che ha significato per lei un’azienda.

La testimonianza di Margaux Poncelet, che ha aperto il ristorante Origine. Figlia di un proprietario di un altro ristorante, le idee lei le aveva, il suo fidanzato è uno chef, entrambi lavorano nel ristorante. Tuttavia, ha spiegato che i problemi sono comparsi per la sua età, 28 anni, la sua apparenza di giovane donna, hanno messo in dubbio la sua capacità di gestire l’aspetto finanziario della società, anche chiedendole se avesse fatto il business plan, anche se  aveva già ottenuto un finanziamento bancario. La scarsa credibilità nella capacità della donna è ciò di cui  lei si lamenta. Nonostante abbia il sostegno familiare e del suo fidanzato, si sente mortificata da quella mancanza di fiducia da parte della società. “Sono forte, credo in me, il mio lavoro è la mia passione, è ciò che mi dà forza ogni giorno”.

1 Comentario

Dejar respuesta

Please enter your comment!
Please enter your name here