🇮🇹 Verso una nuova fase delle relazioni civili-militari in America Latina? Jorge Riquelme Rivera

0
175

Una serie di eventi e processi politici che si stanno verificando in America Latina e nei Caraibi, che verranno illustrati più avanti, suggeriscono che ci sarebbe un nuovo ciclo nelle relazioni civili-militari nella regione, nel quadro dei sistemi democratico con evidenti segni di fragilità.

La costruzione della democrazia ha avuto risultati contrastanti nella regione, con i paesi come Haiti, che vive un complesso processo di costruzione istituzionale sostenuto dalla comunità internazionale, e altre esperienze come il Cile, Costa Rica e Uruguay, con tutti i loro avatar, hanno una lunga traiettoria democratica. In pratica, le prestazioni della democrazia nella regione presentano numerose debolezze, ad esempio in termini di corruzione, disuguaglianze sociali ed economiche e stabilità istituzionale. La questione delle istituzioni democratiche è particolarmente rilevante, soprattutto se si considera la crescente sfiducia e la critica alle istituzioni politiche tradizionali e l’aumento dell’empowerment dei cittadini, derivante, tra l’altro, dall’ascesa di una classe media sempre più istruita, una popolazione con richieste, così come lo sviluppo di tecnologie dell’informazione e, di conseguenza, delle reti sociali. Le relazioni civili-militari non sfuggono a questo problema.

Nell’ambito della Terza onda della democrazia, le transizioni politiche vissute da vari paesi nella regione a partire dalla metà degli anni ’80 hanno avuto in primo piano le relazioni civili-militari, cercando di costruire un’interazione definita per il consolidamento di leadership e controllo civile. Attualmente, le democrazie latinoamericane sono caratterizzate da instabilità e crisi politiche, derivanti dai continui conflitti tra esecutivo e legislativo e/o proteste popolari, ma in cui il numero degli interventi militari è diminuito. Nel libro “Juicio político al Presidente y nueva inestabilidad política en América Latina” (Impeachment al Presidente e la nuova instabilità politica in America Latina) (Fondo de Cultura Economica, Buenos Aires, 2009), Aníbal Pérez-Liñan osserva che l’analisi dei sistemi politici della regione suggerisce che gli incentivi che sono stati presentati ai militari nella maggior parte dei paesi dell’America Latina negli anni sessanta e settanta sono cambiati in modo significativo, le ragioni fondamentali per questa trasformazione sono i cambiamenti nel contesto internazionale, così come il processo di apprendimento che determinarono i passati regimi dittatoriali, tra élite civili e militari. In altre parole, secondo Pérez-Liñán, le crisi politiche che vivono le democrazie della regione non compromettono la stabilità dei regimi democratici, sebbene siano letali per i governi democratici.

Dopo la partecipazione diretta delle forze armate alla leadership politica di diversi paesi dell’America Latina, insieme ai processi di transizione che hanno avuto luogo dalla metà degli anni ottanta, le sfide che sono state affrontate in questo settore sono legate al modo di ristrutturare e ridefinire le funzioni militari, in un contesto democratico e in un contesto internazionale segnato dalla fine della Guerra Fredda. In effetti, i processi di transizione politica verso la democrazia hanno avuto un forte impatto nel campo della difesa, dove la graduale costruzione di una nuova relazione civile-militare si è manifestata, tra l’altro, nella limitazione della partecipazione delle forze armate nella politica, al fine di garantire la leadership civile e, soprattutto, e dove le autorità civili hanno assunto gradualmente la leadership dei Ministeri della Difesa. In fondo, si è cercato di consolidare la democrazia nella regione, che richiedeva, come condizione sine qua non, di esercitare la supremazia civile dove i militari non mantenessero la prerogativa di veto sulle azioni dei governanti eletti e nessuna area di governo potesse essere esclusa del controllo politico.

Tuttavia, questi sforzi per assicurare la supremazia civile sembrano seguire nuove strade all’alba di questo secolo. Questo processo è stato particolarmente evidente nel caso del Venezuela, dove il governo di Nicolas Maduro, seguendo il percorso di Hugo Chavez ha coltivato un rapporto stretto con le forze armate, aumentando gli stipendi e incorporando il personale militare in posizioni chiave di governo, come nel caso del generale Vladimir Padrino López, attuale Ministro della Difesa. Anche se ancora moderatamente, la Bolivia ha seguito un percorso simile, espresso, per esempio, in uno stretto rapporto tra il presidente Evo Morales e l’esercito di quel paese, un’istituzione che ha anche composto una marcia in suo onore, dove viene evidenziata la sua origine indigena e posizione antimperialista.

Ma questo nuovo ciclo non è solo l’eredità della sinistra. Sul lato opposto, la campagna di Jair Bolsonaro per la presidenza del Brasile ha avuto una sfumatura evidentemente militare, come illustrato dalle numerose immagini di camion militari con poster che sostengono l’ex capitano dell’esercito e fiammante candidato. Ammiratore dichiarato della dittatura militare che amministrava il paese tra il 1964 e il 1985, una volta eletto e forse sostenuto dall’esempio di Donald Trump dagli Stati Uniti, Bolsonaro ha nominato una serie di militari in pensione nel suo gabinetto. “Sto scegliendo i militari, non perché sono militari. È a causa della loro formazione e per quello che hanno fatto quando erano attivi”, ha detto il nuovo presidente del gigante sudamericano.

Tali processi stanno sfidando la ricerca tradizionale per ridurre gli spazi di autonomia delle forze armate e il rafforzamento di dottrine militari segnate da nessuna deliberazione, sotto regimi democratici debolmente consolidati, una questione che è stata guidata dalla bassa legittimità e supporto cittadino ai politici tradizionali, molti dei quali sono stati coinvolti in atti di corruzione, senza dimenticare gli alti livelli di insicurezza, disuguaglianza e marginalità sociale che le democrazie realmente esistenti non sono state in grado di risolvere. A questa dinamica di politicizzazione militare ha anche contribuito l’uso progressivo, da parte di molti paesi della regione, di mezzi militari per combattere le minacce alla sicurezza pubblica, in un contesto regionale solitamente caratterizzato come una Zona di Pace, dove i conflitti di guerra tradizionali sembrano improbabili.

Le relazioni tra civili e militari sono un problema in sospeso, quindi una risposta rapida ed efficace da parte dei sistemi politici è imperativa. Ciò è particolarmente necessario nel contesto del nuovo ciclo politico che sta vivendo la regione, con la scarsa attenzione dei cittadini per questo problema e il basso livello di operabilità che i meccanismi intergovernativi hanno avuto finora per avanzare in tal senso. Tali relazioni sono al centro del consolidamento democratico, mirando a un’interazione fluida, trasparente e ampia tra politica, forze armate e cittadinanza, nel quadro dello Stato di Diritto. Come ha sottolineato Alexis de Tocqueville: “Con cittadini istruiti, disciplinati, fermi e liberi, avremo soldati disciplinati e obbedienti”.

Dejar respuesta

Please enter your comment!
Please enter your name here